Le voci di tre attori di Teatrando nei video del progetto "Luminosa"

Le voci di tre attori di Teatrando nei video del progetto "Luminosa"

Le voci di tre attori di Teatrando nei video del progetto

Anche Teatrando fa parte delle 46 realtà biellesi (associazioni, enti, scuole, Comuni, sigle sindacali) che hanno aderito al progetto “Luminosa Biella”, unite dal comune intento di dare voce a coloro che credono fermamente nella difesa della dignità umana contro ogni forma di sopruso, oppressione e prevaricazione.

Per la “Giornata della memoria” il folto gruppo di lavoro ha realizzato quattro video (uno è al momento ancora in lavorazione) da proporre alle scuole in occasione della ricorrenza, ma che sono visibili a tutti gli interessati sul canale YouTube del progetto: Luminosa Biella.

Mariella Moschetto, Paola Mazzucato e Lorenzo Monteleone sono i tre attori che, con la supervisione di Veronica Rocca, hanno prestato le loro voci per le letture che accompagnano questi filmati. I video, realizzati da Manuel Cavasin, coinvolgono anche Giulia Ellena e Carola Tinelli (in arte Kart), giovani cantautrici della scuola Sonoria di Cossato, che hanno composto, arrangiato e interpretato le canzoni che fanno da filo conduttore ai tre momenti di approfondimento.

Nel primo, intitolato “Shoah - La tempesta devastante”, un arrangiamento di “Auschwitz” di Francesco Guccini accompagna gli ascoltatori tra informazioni storiche, dati e testimonianze. “Oggi”, il secondo, partendo da una riflessione di Moni Ovadia sui perseguitati di ogni epoca e luogo, attualizza il tema collegandosi anche all’esperienza della pandemia. Il terzo invita a non cadere nella trappola dell’indifferenza, parola che dà il titolo al filmato, proponendo sul tema riflessioni di Papa Francesco, Liliana Segre, Antonio Gramsci e Pier Paolo Pasolini.

Il quarto video, che verrà presto aggiunto, ha preso forma nei giorni scorsi dopo l’incendio avvenuto il 23 dicembre a Lipa in Bosnia, e affronta il tema dei campi di accoglienza, in particolare sulla cosiddetta “rotta balcanica”, sollecitando interventi che tendano a garantire un accesso legale e sicuro dei migranti.